venerdì 6 agosto 2010

Treccia ai mirtilli

Da quando Alex ha postato su Facebook la ricetta di questa Treccia ai mirtilli non riuscivo a darmi pace.
Così appena la mia specie di gastroenterite me l'ha concesso mi sono messa all'opera. Mentre scrivo la treccia si sta raffreddando sulla griglia e la casa é invasa da un profumo paradisiaco. La combinazione crema alla vaniglia e mirtilli é qualcosa di assolutamente divino.
La ricetta originale prevede ingredienti per due treccie. Io ho più o meno dimezzato quelli dell'impasto in modo da ottenere una treccia sola (che é comunque bella grande), mentre ho mantenuto invariate le dosi per la crema e per la copertura.
La preparazione é piuttosto lunga ma solo a causa dei tempi di lievitazione perché il procedimento é davvero facile. Inoltre mi terrò ben stretta questa ricetta di crema alla vaniglia perché funziona perfettamente, senza grumi e dalla consistenza ideale per essere utilizzata anche in altre preparazioni.



INGREDIENTI:
Impasto:
275 gr di farina per treccia
50 gr di burro
50 ml di latte
70 ml di creme fraiche (la ricetta originale prevede "creme fleurette")
15 gr di zucchero vanigliato
1 bustina di lievito secco
2 tuorli
1 presa di sale
la scorza grattugiata di un limone (ovviamente bio)

Crema:
250 ml di latte
2 tuorli
2 C di maizena
3 C di zucchero
1 baccello di vaniglia
1 presa di sale
200 gr di mirtilli

Copertura:
1 tuorlo d'uovo
1 C di creme fraiche
un goccio di latte
granella di zucchero

PROCEDIMENTO:
Sciogliere il burro nel latte e lasciare intiepidire.
Mescolare (con il robot da cucina) la farina setacciata con tutti gli altri ingredienti compreso il latte fino ad ottenere una pasta liscia ed elastica.
Metterla in un luogo caldo finché avrà almeno raddoppiato di volume.
Reimpastarla brevemente per far uscire l'aria e lasciarla lievitare finché avrà nuovamente raddoppiato il volume.
Nel frattempo preparare la crema. Sbattere la metà del latte con i tuorli e la maizena. In un pentolino scaldare il resto del latte con lo zucchero, il sale e i semini estratti dal baccello di vaniglia. Mescolando aggiungere il latte con i tuorli e la maizena. Lasciar cuocere sempre mescolando finché la crema si sarà ben addensata. Lasciarla raffreddare completamente.
Stendere la pasta fino ad ottenere un rettangolo abbastanza sottile (ca. mezzo centimetro).
Aggiungere alla crema raffreddata i mirtilli e spalmarla sulla pasta lasciando un bordo di 3 cm.
Arrotolare la pasta dal lato lungo e sigillare bene i bordi.
Fare un'incisione per il lungo lasciando il primo pezzo intatto. Intrecciare le due parti tagliate. (Qui trovate le foto del procedimento).
Disporla su una teglia foderata con carta da forno e lasciarla lievitare in luogo caldo per circa venti minuti.
Sbattere il tuorlo con la creme fraiche e il goccio di latte, spennellare la treccia e cospargerla di granella di zucchero.
Far cuocere la treccia per 30 minuti in forno preriscaldato a 180°C.
Lasciarla raffreddare su una griglia.

3 commenti:

  1. È uno spettacolo! E così non rischio neanche di combinare casini a causa del mio francese arrugginito :-)

    RispondiElimina
  2. Dev'essere stata proprio buona perché io (mamma) non sono riuscita ad assaggiarne nemmeno una bricciola...! Aspetto la prossima sfornata... ; ))

    baci
    mami

    RispondiElimina
  3. :(( briciola....

    RispondiElimina